6 passi per avere successo!

Il successo nel business è strategia, obiettivo e costanza!
(questione di tempo…)

Nel mio settore sembra che tutto passa velocemente e si fa presto vecchio… ma questo vale solo per chi gli volge lo sguardo con superficialità.

Il marketing, la strategia, la comunicazione e la loro applicazione al digitale non sono solo innovazione, tecnologia, strumenti e dinamiche di mercato in evoluzione. Comprendono, con fondamentale importanza, lo studio e la conoscenza di materie e discipline, che vanno dalla grafica all’informatica, dal visual design allo sviluppo, dal marketing alla comunicazione on-off line, dalla psicologia alla sociologia, dall’economia al management, dalla storia alla filosofia… perchè gli strumenti che spesso vengono posti, erroneamente, prima della pianificazione strategica del percorso, rimangono solo mezzi dentro un garage se non si sa come metterli in moto e farli rendere… soprattutto, se non si conosce la strada più corretta ed efficace per arrivare a destinazione.

Per avere #successo occorre:

1.Affidarsi alle competenze
Il fai da te sulla propria attività, alla fine costa di più, nel tempo e sulla reputazione del brand. Molte attività ritengono, a torto, che la gestione operativa della comunicazione aziendale, non debba essere affidata a professionisti ed essere oggetto di una strategia di marketing ben definita. Spesso si paga a caro prezzo la “cattiva” comunicazione. Anche quando non riguarda un epic fail come l’esempio riportato sotto, ricordiamoci che ciò che comunichiamo trasmette l’immagine di noi e della nostra attività: il web riporta l’immagine che vuoi trasmettere?


2.Destinare un budget appropriato
Comunicazione e marketing fanno parte degli asset aziendali. Quando mi sento dire da parte di imprenditori che non c’è budget so che mi trovo davanti persone che hanno bisogno semplicemente della corretta informazione su quello che si intende per “azione pubblicitaria” e “strategia di marketing”. Nella mia esperienza, ho visto più spesso destinare budget (anche notevoli) in attività poco efficaci e trascurare completamente una COSTANTE pianificazione strategica a medio lungo periodo. Oggi gli investimenti annui in percentuale sul fatturato stanno crescendo, specialmente in ambito digitale proprio in virtù della digital trasformation in atto. Saper valutare gli investimenti sulla base di una pianificazione strategica e non “a spot” come spesso succede, è necessario per una buona conduzione imprenditoriale dell’attività stessa.


3.Conoscere il proprio pubblico
Per rispondere ad una domanda bisogna conoscere a fondo chi, quella domanda la fa. Rimanendo sulla gestione delle risorse, un conto è investire sparando nel mucchio, ben altro impegno economico è mirare ad un pubblico profilato. Il vero valore di un business è disporre di una banca dati proprietaria da gestire e profilare per passare dai numeri alle vere relazioni e indirizzare in maniera più mirata ed efficace la nostra comunicazione.


4.Disporre degli strumenti appropriati
…lo storico slogan “per fare una parete grande non ci vuole un pennello grande, ma un grande pennello” rende l’idea, in maniera geniale, di quanto lo strumento di qualità avvantaggia, chi “del mestiere”…un grande pennello in mano a chi non lo sa usare, non porterà mai allo stesso risultato!

(scopri OASIS l’ecosostema digitale integrato per il mobile engagement riconosciuto il primo in Europa e tra i primi venti al mondo da Gartner)

5.Avere un obiettivo specifico
… perché dire: “mi piace viaggiare” e “voglio andare ad Hong Kong” non sono la stessa cosa!
Andare ad Hong Kong è un obiettivo preciso e dunque, si può pianificare il viaggio, stabilire il budget e il tempo. Sul piacere di viaggiare ci si affida solo alla speranza che lo si possa fare… chissà, prima o poi… magari comincio con andare a Cuneo, poi vediamo… “dove?”…”si, a Cuneo!”…

E… last, but not least…

6. Analizzare i risultati
Un risultato, positivo o negativo, è un risultato!
Non è più come un tempo dove si lavorava principalmente sull’offerta, oggi è il pubblico a fare “domande” e se non sappiamo rispondere alle richieste del nostro pubblico, le campagne che metteremo in piedi, nonostante budget e strumenti adeguati, non porteranno mai a risultati soddisfacenti.
Alla fine di una campagna ci si deve concentrare sì sui risultati dati dalla strategia e sulle azioni fatte per capire cosa funziona e cosa no, quali canali mantenere e quali tralasciare, dove investire di più e dove lasciar perdere… ma porsi sempre anche le domande:
“Ciò che offro, è interessante per il mio target? Risponde a quello che chiedono o vorrebbero? Risolve o soddisfa le esigenze del mio pubblico? Cosa posso offrire o migliorare per aumentare la conversione?…
La loro risposta aiuta molto per aggiustare il tiro o per cambiare direzione.

Tutto questo è marketing. La mia passione!

Vuoi preparare il terreno per il tuo successo?

Comincia con una consulenza di analisi valutativa gratuita:

PRENOTA ORA!

Cordialmente…

Roberta Voiglio
Brand & Communication Manager – Business Coach
formazione e consulenze di marketing – servizi digitali

Consulente Marketing Mobile Specialist
per GENESIS ITALIA srl | the Digital Box Company

Lasciami il tuo commento

commenti

Print Friendly, PDF & Email

Roberta Voiglio

Brand & Communication Manager. Dal 1997 mi occupo di Comunicazione Corporate e Marketing Strategico #Bni Member Piemonte Sud

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle Plus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.