Marketing Referenziale: la specificità come fattore di successo


Il Marketing referenziale ha bisogno di specificità!

Il 360 gradi è vintage…

Ha le spalline come le giacche di Michael Jackson, si usa quando si vuole fare i tuttologi per paura che la specializzazione faccia perdere occasioni a favore della concorrenza.

Lo dissi anch’io, non sono nata imparata; all’epoca per me, c’era il passaggio tra design e promozione tradizionale a quella digitale e sembrava “più figo”riassumere il tutto in un 360 gradi. Sembrava…

Ma cosa stavo comunicando al mio target market?

Anche allora, quell’espressione non comunicava di fatto, nulla… esattamente come “giovane e dinamico“, “leader del settore“, “primo sui motori” & Co…

Frasi fatte che non lasciano un segno su chi siamo e su come possiamo essere utili perchè non comunicano ma cercano solo di abbagliare come le pubblicità anni 70/80. Oggi però siamo ben oltre il concetto di “pubblicità” fine a se stessa per quei pochi secondi di visibilità. Professionisti e aziende ora si relazionano con il proprio pubblico target e con questo, creano conversazioni di contenuto per essere utili e risolvere i problemi di chi, in quel momento, è in cerca di soluzioni. Questa relazione con il pubblico non è a tempo, attraverso il digitale, avviene in maniera costante e continuativa.

Oggi, la specializzazione fa la differenza tra affermarsi sul proprio mercato e arrancare alla ricerca d’ossigeno in quel mare del di tutto un po’ dove spesso, difficilmente si riesce a dare il meglio.

E quando tutto cambia… Cambia tutto!

Tutte le professioni hanno molteplici raggi d’azione e richiedono numerose competenze, ma per indole e capacità, c’è qualcosa in cui sappiamo dare il meglio di noi e quel qualcosa diventa la nostra arma per emergere, per differenziarci e per essere identificati come veri esperti di quel settore.

Allora, perchè non prenderseli questi 5 minuti per definire il MESSAGGIO esatto che si vuole comunicare?

Perchè non selezionare A CHI lo si vuole rivolgere?

L’obiettivo della nostra comunicazione è arrivare a tutti, trascurando la nostra identità e mission o attrarre benevolmente la nostra nicchia dove verremo ascoltati maggiormente e con più attenzione?

Oggi catturare l’attenzione del nostro target è molto più difficile; la concorrenza è tanta, le informazioni bombardano le persone senza sosta e richiamare all’azione il nostro pubblico diventa il vero problema. Ecco che la specificità aiuta non solo a presentarsi meglio alle persone che vogliamo richiamare ma la stessa, applicata al nostro pubblico (profilazione) aiuta a definire il messaggio giusto alla persona giusta, rendendo la nostra comunicazione certamente più efficace.

Se proprio vogliamo restare nella geometria, come immagine preferisco, all’angolo giro dei 360 gradi, che parte da un punto per tornare sullo stesso, una retta, che per essere tale presuppone uno spostamento DA… A! (ma questo è un problema mio!)

“panta rei”, tutto scorre… ne si ferma, ne torna indietro.

Cordialmente…

Roberta Voiglio
Brand & Communication Manager
Consulente Marketing Mobile Specialist

Lasciami il tuo commento

commenti

Print Friendly, PDF & Email

Roberta Voiglio

Brand & Communication Manager. Dal 1997 mi occupo di Comunicazione Corporate e Marketing Strategico #Bni Member Piemonte Sud

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle Plus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.